Città di Piossasco - Piazza Tenente Nicola, 4 - 10045 Piossasco (TO) - Tel. 011/90.271 - Fax 011/90.27261


>>Home Page

DOMENICHE A TEATRO

Un progetto di:
Città di Piossasco, Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani Onlus, Fondazione Piemonte dal Vivo,
Progetto Teatro Ragazzi e Giovani Piemonte, Slow Cinema, Il Mulino
Con il sostegno della Regione Piemonte

La Rassegna di teatro per famiglie, Domeniche a Teatro, è organizzata dalla Fondazione Piemonte dal Vivo, insieme a Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani Onlus con la cura di sempre nella scelta degli spettacoli e nell’accoglienza del pubblico al Teatro il mulino.

Un lavoro comune per un unico cartellone teatrale della città, che salda le proposte per le famiglie del progetto Teatro ragazzi e giovani piemonte a quelle serali per gli adulti e invita così gli spettatori a migrare dalle une alle altre, per sperimentare i tanti linguaggi del teatro.

TEATRO IL MULINO
Via Riva Po, 9 - PIOSSASCO
Informazioni al numero telefonico: 011 9041984
BIGLIETTI € 5,00

Domenica 4 febbraio 2018 ore 11.00
SERVIZIO FAVOLE

ASSOCIAZIONE TEDACA’
Testo e regia Simone Schinocca
Con Valentina Aicardi, Francesca Cassottana, Giulia Guida, Valentina Renna

In Servizio favole si scopre che nell’elenco telefonico vi sono numerose lacune: mancano alcuni numeri di pubblica utilità. Fra gli assenti, ne esiste uno in particolare, molto richiesto da quattro bambine: un servizio di racconto favole, ideale per bambini che non sanno addormentarsi senza una fiaba, ma anche utilissimo a quei genitori che ne conoscono poche o non sanno raccontarle.
Con un pizzico di fantasia il teatro rinasce in un atipico call center, dove basta digitare dei numeri per vedere materializzate canzoni fiabe e filastrocche. le bambine nella stanza costruiscono mondi strampalati, attraverso oggetti di uso quotidiano liberamente ispirato alle favole di Gianni Rodari e con un cast tutto al femminile, Servizio favole è uno spettacolo ironico, che utilizza i linguaggi di teatro e danza per comunicare ai bambini che nella vita si può sbagliare o cadere e che c’è un motivo se esiste il proverbio, “Sbagliando s’impara”.

 

Domenica 4 marzo ore 11.00
L’ALBERO DELLE BOLLE

Un viaggio da ridere!
COMTEATRO
Di e con Carola Boschetti, Cinzia Brogliato, Luca Chieregato
Regia Claudio Orlandini

Questa è la storia di Lola, una piccola bolla di sapone che nasce tra i rami e le foglie di un comunissimo melo, popolato da mele canterine e da un simpatico bruco un po’ pauroso. La bolla Lola si affeziona velocemente a tutti gli abitanti dell’albero, ma Sotuttoio, la voce della pianta, le svela il suo destino: lei dovrà partire e raggiungere la sua Città delle Bolle. Il cattivo mister Trappola cattura Lola e costringe gli abitanti dell’albero a correre in suo aiuto, fino al colpo di scena finale. La storia racconta l’amicizia tra esseri diversi tra loro; narra di un albero di mele che dietro le fronde cela un mondo di sfumature e atmosfere magiche, che sono sotto i nostri occhi, ma come tutte le cose trasparenti, anche questa ha ha bisogno di un’angolazione precisa per poter essere vista. Con questa favola teatrale proviamo a ricordare la nostra meraviglia di quando eravamo bambini e soffiavamo nel cielo le bolle di sapone. Forse anche i bambini di oggi possono rallentare il proprio tempo e provare a scoprire il tesoro invisibile racchiuso in questo piccolo gesto.

 

Domenica 11 marzo 2018 ore 11.00
ROCLO’

Il circo segreto degli oggetti abbandonati
COMPAGNIA CLAUDIO E CONSUELO
Di e con Consuelo Conterno e Claudio Giri
Regia Giorgio Boccassi, Consuelo Conterno, Claudio Giri

In una discarica c’erano molti oggetti. Ormai non erano altro che un mucchio d’immondizia, ma avrebbero potuto ancora fare molte cose! Roclò è un vecchio termine piemontese; sono le cose inutili e ingombranti, ormai vecchie e destinate alla spazzatura. Sono roclò gli oggetti che i due protagonisti trovano ammucchiati sulla scena ma che porteranno gli spettatori verso luoghi inaspettati, perché anche un flacone di detersivo, una scopa o un ombrello ha in sé la capacità di raccontare storie piene di meraviglia. Saranno i clown Ronnie e Camilla ad avere il compito di sgomberare il teatro dall’immondizia, attraversando coi loro occhi le storie degli oggetti che incontrano, trasformandoli in insoliti strumenti per eseguire brani musicali, giocolerie, numeri di destrezza e altre diavolerie. Non regnerà più il caos, ma tutto diverrà ben ordinato come in un museo della fantasia. Tra mensole e scaffali, dove i bambini saranno perfettamente a loro agio avendo conosciuto, attraverso il teatro, le storie di questi oggetti rigenerati.

 

Domenica 18 marzo 2018 ore 11.00
MAI GRANDE

Un papà sopra le righe
COMPAGNIA ARIONE / DE FALCO
Di e con Annalisa Arione e Dario de Falco in collaborazione con Annalisa Cima

Un padre un po’ bambino e un po’ “grande”, è questo il protagonista dello spettacolo, che nella sua preziosità si muove tra infanzia e adultità, approfondendo le fragilità e le meraviglie di entrambe. Dario sul palco ce la mette tutta, proprio tutta, per mostrarci cosa serve, secondo lui, per essere un genitore perfetto. il bambino c’è e si chiama Tobia. nell’immaginario di Dario, per il suo bambino, servono miliardi di chilometri di divertimento, risate a profusione e giri in moto a tutta birra. ma forse ciò, più che a Tobia, serve a suo papà, per fare ciò che gli sarebbe piaciuto quando lui era bambino. Tobia vorrebbe invece cantare una ninna nanna, abbracciarlo e, quando ci vuole rimproverarlo, spiegandogli dove ha sbagliato. Dario De Falco, in scena, ci mette tutte le sue abilità per mostrarci le diverse peculiarità che un padre dovrebbe avere, sostiene così i bambini spettatori nell’identificazione con il nostro Tobia, per provare a immaginare quali bisogni loro avrebbero. mai grande, un papà sopra le righe, risulta così uno spettacolo di grande fruibilità dove grandi e piccini, insieme, possono trovare stimoli necessari per condividere, non solo nella finzione, momenti di autentica e possibile felicità.