Città di Piossasco - Piazza Tenente Nicola, 4 - 10045 Piossasco (TO) - Tel. 011/90.271 - Fax 011/90.27261


>>Home Page - >> Ufficio Tributi >> ICI - >> COSAP - >> IMU - >> Pubbliche Affissioni - >> TIA - >> Addizionale Irpef - TARES

 

IMU - IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA
ANNO
2013


Si avvisano i signori contribuenti che per l'anno 2013 sono state riconfermate le aliquote approvate con delibera di C.C. n. 22 del 29/06/2012
Codice tributo da indicare sul modello di pagamento F24: 3912
Importo mimino
per la Città di Piossasco: 5,00 euro (Art. 13 del Regolamento IMU)

Abitazione principale e relative pertinenze    
5 ‰
Altri fabbricati
9 ‰
Fabbricati rurali ad uso strumentale   
esenti
Terreni   
9 ‰
Aree Fabbricabili 
9 ‰

 

>> PROGRAMMA PER IL CALCOLO (collegamento a link esterno)
>> GUIDA al calcolo ACCONTO IMU 2013 (Documento in formato pdf) Scadenza 17 Giugno 2013
>> GUIDA al calcolo SALDO 2013 (Documento in formato pdf) - Scadenza 16 Dicembre 2013
>> GUIDA al calcolo della MINI IMU (Documento in formato pdf) Scadenza 24 Gennaio 2014
>>

REGOLAMENTO IMU ( Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.06.12)

 

 

 

 

 


SALDO ANNO 2013 c.d. MINI IMU
scadenza pagamento: 24 gennaio 2014

>>

MINI IMU - ISTRUZIONI per il calcolo scadenza pagamento: 24 Gennaio 2014

>> MINI IMU - PROGRAMMA PER IL CALCOLO scadenza pagamento: 24 Gennaio 2014

 

Ai sensi del comma 5 del D.L. 133/2013 (in attesa di conversione in Legge) come modificato dalla Legge 147/2013 entro il 24 gennaio 2014 deve essere effettuato il versamento in misura pari al 40 per cento dell’imposta municipale propria (I.M.U.), dovuta per l’eventuale differenza tra l'ammontare dell'imposta municipale propria risultante dall'applicazione dell'aliquota e della detrazione per ciascuna tipologia di immobile di cui al comma 1 deliberate o confermate dal Comune per l'anno 2013 e, se inferiore, quello risultante dall'applicazione dell'aliquota e della detrazione di base previste dalle norme statali per:

  • abitazione principale e relative pertinenze, esclusi i fabbricati classificati nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9;
  •  unità immobiliari appartenenti alle cooperativeedilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, nonché alloggi regolarmente assegnati dagli Istituti autonomi per le case popolari (IACP) o dagli enti di edilizia residenzialepubblica, comunque denominati, aventi le stesse finalità degli IACP, istituiti in attuazione dell'articolo 93 del decreto del Presidente della Repubblica24luglio1977, n. 616;
  • gli immobili di cui all'articolo 4, comma 12-quinquies del Decreto Legge 2 marzo 2012, n. 16, convertito, con modificazioni, dalla Legge 26 aprile 2012, n. 44;
    ovvero:
    ai soli fini dell'applicazione dell'imposta municipale propria di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, nonché all'articolo 13 del Decreto Legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla Legge 22 dicembre 2011, n. 214, l'assegnazione della casa coniugale al coniuge disposta a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, si intende in ogni caso effettuata a titolo di diritto di abitazione.
  • gli immobili di cui all'articolo 2, comma 5, del Decreto Legge del 31 agosto 2013, n. 102, convertito, con modificazioni, dalla Legge 28 ottobre 2013, n. 124
    ovvero:
    non sono richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica ai fini dell'applicazione della disciplina in materia di IMU concernente l'abitazione principale e le relative pertinenze, a un unico immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, purché il fabbricato non sia censito nelle categorie catastali A/1, A/8 oA/9, che sia posseduto, e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente delle   Forze di polizia ad ordinamento civile, nonché dal personale del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco, e, fatto salvo quanto previsto dall'articolo 28, comma 1, del Decreto Legislativo 19 maggio 2000, n. 139, dal personale appartenente alla carriera prefettizia. Per l'anno 2013, la disposizione di cui al primo periodo si applica a decorrere dal 1° luglio.

Aliquota deliberata dalla CITTA' DI PIOSSASCO:

Fattispecie

Aliquota

Detrazione

Maggiorazione della detrazione

Abitazione principale e pertinenze

0,5 %

€ 200,00

di € 50 per ogni figlio di età inferiore a 26 anni, dimorante abitualmente e residente anagraficamente nell’abitazione principale, fino ad un massimo di € 400.

Aliquota STATALE :

Fattispecie

Aliquota

Detrazione

Maggiorazione della detrazione

Abitazione principale e pertinenze

0,4 %

€ 200,00

di € 50 per ogni figlio di età inferiore a 26 anni, dimorante abitualmente e residente anagraficamente nell’abitazione principale, fino ad un massimo di € 400.

 

COME SI CALCOLA LA MINI IMU

1) Rivalutare la rendita catastale

2) Calcolare il valore dell’immobile

3) Calcolare l’imposta

NOTA: Tutte le rendite catastali vanno rivalutate (anche quelle di immobili di nuova costruzione)
SIMBOLI
: x moltiplicare; : dividere; - sottrarre; + sommare; = risultato

 

1) RIVALUTARE LA RENDITA

RENDITA CATASTALE x 5 :100= RIVALUTAZIONE

RENDITA CATASTALE + RIVALUTAZIONE= RENDITA RIVALUTATA

 

2) CALCOLARE IL VALORE DELL'IMMOBILE

RENDITA RIVALUTATA X MOLTIPLICATORE = VALORE DELL’ IMMOBILE

CATEGORIA

MOLTIPLICATORE

Gruppi catastali A e categorie catastali C/2, C/6 e C/7 con esclusione della categoria A/10

160

Immobili accatastati in categoria A/10 (uffici e studi privati)

80

Immobili accatastati in categoria D/5

80

Immobili accatastati in categoria D (escluso D/5)

65

Immobili accatastati in categoria C/1 (negozi e botteghe)

55

Categoria B e immobili accatastati in categoria C/3, C/4, C/5

140

 

3) CALCOLARE L'IMPOSTA

a) EFFETTUARE il CALCOLO al 4 ‰ per ottenere L’ IMPOSTA AD ALIQUOTA BASE

Valore dell'immobile x 4 : 1000 = IMPOSTA ANNUA DA VERSARE

Imposta annua da versare – Detrazione = IMPOSTA ANNUA BASE

 

b) EFFETTUARE il CALCOLO al 5 ‰ per ottenere L’ IMPOSTA AD ALIQUOTA COMUNALE

Valore dell'immobile x 5 :1000 = Imposta ANNUA DA VERSARE

Imposta annua da versare – Detrazione = Imposta ANNUA COMUNALE

 

c) SOTTRARRE L'IMPOSTA BASE ALL'IMPOSTA COMUNALE per ottenere la DIFFERENZA ANNUA

Imposta comunale - Imposta base = DIFFERENZA ANNUA

 

d) CALCOLARE IL 40% DELLA DIFFERENZA ANNUA per ottenere L'IMPOSTA DA VERSARE ENTRO IL 24 GENNAIO

Differenza annua : 100 x 40= IMPOSTA DA VERSARE ENTRO IL 24.01.2014

 

Il versamento deve essere effettuato tramite MODELLO F24 entro il 24 Gennaio.

Codice Tributo: 3912

Anno di riferimento: 2013 saldo.

 

I PENSIONATI RESIDENTI IN PIOSSASCO possono rivolgersi all'Ufficio Tributi per il supporto al calcolo, la compilazione e stampa del MODELLO DI PAGAMENTO F24, dalle 8.30 alle 12.30, fino al 24 gennaio compreso.

>> Vedi informativa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Abitazione principale e relative pertinenze    
5 ‰
Altri fabbricati
9 ‰
Fabbricati rurali ad uso strumentale   
esenti
Terreni   
9 ‰
Aree Fabbricabili 
9 ‰