PROGETTO BEN-NASCO - I PRIMI MILLE GIORNI DI VITA.

Ultima modifica 5 febbraio 2020

I primi 1000 giorni di vita, un periodo straordinario: le fondamenta sulle quali costruiremo il resto della nostra esistenza e la nostra capacità di crescere generazioni felici e sane.

È in questa fase della vita che il cervello si sviluppa più che in qualsiasi altro momento e l’ambiente gioca un ruolo cruciale nel determinare la crescita in salute. Prendersi cura di questo periodo assicura per il futuro migliori esiti scolastici, un sano sviluppo sociale ed emotivo, migliori risultati nel contesto lavorativo e, in generale, un migliore stato di salute per la persona.

Tuttavia, non tutte le mamme e non tutti i bambini hanno le stesse opportunità di benessere e salute, pertanto, già in questi 1000 giorni possono emergere forti diseguaglianze tra le famiglie.

Queste sono in parte le ragioni che hanno spinto le Amministrazioni Comunali di Beinasco e di Piossasco, insieme all’Associazione La Bottega del Possibile e alla partnership formata dall’AslTO3, dal Consorzio C.I.di S. e da diverse realtà associative dei territori, a dare avvio al progetto “Ben-Nasco a Beinasco e a Piossasco” al fine di promuovere Comunità capaci di prendersi cura dei genitori e dei bambini in questo importante momento di crescita e cambiamento.

Un progetto che prevede servizi, interventi e opportunità per le famiglie che attendono l’arrivo di un figlio. Il progetto ha l’ambizioso obiettivo di seguire le donne fin dai primi mesi di gravidanza, offrendo un supporto attraverso l’impiego di diverse figure professionali. Verranno realizzate visite domiciliari sia pre che post-partum, organizzati incontri tematici, corsi e laboratori sui temi legati all’alimentazione, alla promozione del movimento, al benessere psico-sociale dei genitori e dei bambini. Inoltre, attraverso incontri di socializzazione, in luoghi belli e accoglienti della comunità, si promuoverà la partecipazione, lo scambio delle esperienze, l’auto-aiuto, la valorizzazione delle competenze e delle risorse disponibili.

Il progetto assume come metodologia di intervento quella già sperimentata in altre esperienze, basata sulla visita domiciliare, sull’ascolto e la partecipazione come elementi fondanti la prevenzione e la promozione del benessere e del capitale sociale della comunità.

Non solo la mamma, ma tutta la famiglia entrerà a far parte della progettualità, offrendo così un’importante opportunità a tutta la rete di prossimità. Si intende valorizzare, anche attraverso questo progetto, la figura dei nonni, promuovendo i legami intergenerazionali e la “nonnità”, come risorsa riconosciuta dalla comunità..

Il progetto è realizzato grazie ad un contributo della Regione Piemonte e del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e della Fondazione CRT.

 

BROCHURE BEN_NASCO
Allegato formato pdf
Scarica
PRESENTAZIONE PROGETTO
Allegato formato pdf
Scarica
COMUNICATO STAMPA
Allegato formato pdf
Scarica